La scheda BSM-2 del computer di bordo di StratoSpera 2

Nelle scorse settimane è stata completata BSM-2 (BeRTOS StratoSpera Mission 2), la scheda madre del computer di bordo del pallone StraTospera 2, il cui lancio è previsto per il 14 maggio 2011. L’ha realizzata Francesco Sacchi con il prezioso contributo progettuale di Daniele Basile di Develer, il nostro sponsor tecnico. La scheda è basata su un microcontroller ARM7TDMI, lo stesso della missione StratoSpera 1 del 2010, per la precisione un AT91SAM7S256, con 256K di flash e 64K di RAM, funzionante a circa 50MHz. Gli schemi elettrici, i master e i sorgenti del firmware di BSM-2 sono liberamente scaricabili.

 

La scheda BSM-2 di StratoSpera 2

La scheda BSM-2 di StratoSpera 2

 

 

Paolo Amoroso

Divulgatore dell'astronomia e dello spazio appassionato di scienza e tecnologia

Potrebbero interessarti anche...

8 risposte

  1. Gaucho ha detto:

    Complimenti. Se ho capito bene non ci sono riscaldatori a bordo. E’ progettata a range esteso di temperatura? Nel mio progetto alcuni sensori non mi servirebbero, e altri invece mancano, per esempio manca un trasmettitore dei dati a terra, regolatore elettrovalvola..
    P.s.: ma il gps perché non é riportato tra i dispositivi connessi nella foto sopra?

  2. Francesco Sacchi ha detto:

    Ciao Gaucho, non avevo visto questo post!
    No, non ci sono riscaldatori. Quasi tutti i componenti sono in range esteso, ma se la coibentazione del payload è buona non è strettamente necessario nemmeno quello: in stratosfera l’aria è rarefatta e la perdita di calore per convezione è quindi limitata. Nei nostri lanci non è mai scesa sotto zero.

    Il GPS non è riportato nella foto perché il modulo si trova su un pannello esterno, i segnali si connettono tramite il connettore indicato con “Control Panel Port”.

    Ciao!

  3. Alberto Alessi ha detto:

    Progetto veramente notevole, complimenti a tutti voi.
    Che sensore avete usato per la pressione?Utilizzate il GPS o la pressione atmosferica assoluta per determinare l’altitudine? Dai vostri esperimenti, il GPS funziona correttamente anche a 30.000 metri? Ancora complimenti per tutti gli aspetti del progetto :)!

  4. Francesco Sacchi ha detto:

    Grazie per i complimenti!

    Il sensore di pressione è un Freescale MPX2100 e utilizziamo sia questo che il GPS per valutare altitudine e velocità ascensionale.

    Il nostro GPS funziona correttamente anche oltre 30.000m, ma non è una cosa scontata, molti altri moduli sono infatti limitati a 18.000m, l’unico modo per sapere se funziona in quota è provarlo 🙂

  5. Alberto Alessi ha detto:

    Grazie mille della risposta! per il GPS immaginavo che fosse da provare speriamo bene :)! Ma voi che modello state usando?
    Bellissime le immagini di stratosfera 5 e seguire l’evento on-line è stato veramente emozionante.

  6. Alberto Alessi ha detto:

    Grazie mille della disponibilità! 😉

  1. 21 Maggio 2011

    […] AstronautiCAST per raccontare il volo StratoSpera 2 del 14 maggio 2011. Si è parlato della scheda BSM-2 del computer di bordo, del contatore Geiger HADARP e il suo funzionamento, del payload biologico e […]